Home » Contatti

Contatti

Per informazioni, proposte, commenti scrivi a redazione[at]cineresie[.]info oppure lascia un commento qui sotto. Rispondiamo via mail per quanto possibile.

33 Commenti »

  • Valentina said:

    Ottimo sito!
    Interessanti i contenuti, articoli ben scritti (finalmente un italiano corretto, scorrevole, leggibile e godibile) e graditissimi i link alle fonti originali, anche in cinese!

    Super complimenti. Con un saluto speciale a Gigi =)

    V. P.

  • Giovani F said:

    Bel progetto, complimenti, era ora..

  • Laura said:

    Bel sito,
    articoli super interessanti, finalmente..ci voleva..

  • emanuela said:

    Complimentissimi, per una giurista come me, senza conoscenza della lingua cinese, questo sito è davvero una mano dal cielo!
    Xie Xie!

  • make said:

    Voglio proprio farvi i complimenti. Riuscite ad essere molto obbiettivi quando affrontate le problematiche e le notizie. Ne eurocentrici ne fondamentalisti asiatici. In media stat virtus.

  • Marcello said:

    Bravi! bel sito!

  • carlotta said:

    Complimenti, sono invidiosa delle vostre capacita’ giornalistiche!

  • Chiara said:

    complimenti…gran bel blog…molto curato ed estremamente interessante.
    ma ciò che mi ha sorpreso di più è che vi siete laureati a Ca’ Foscari.
    ora chiedo a voi un consiglio: sono laureanda LICAO alla triennale, sono appena tornata da 5 mesi di studio alla Capital…ora il mio dilemma è se vale la pena intraprendere la specialistica a Venezia (tanti non ne parlano con toni entusiastici) oppure secondo il vostro punto di vista è più utile tornare alla Capital per perfezionare il cinese con il corso di lingua?
    lo so che dipende da me e da ciò che voglio intraprendere ma una vostra opinione potrebbe chiarificarmi le idee, visto che avete già consolidate esperienze lavorative a contatto con il mondo cinese!

    aspettando una vostra risposta, vi ringrazio anticipatamente

    Chiara

  • Tommaso Facchin (author) said:

    Ciao Chiara, grazie per i complimenti! (e grazie anche a tutti gli altri!).

    Certo, la risposta è quella più banale, dipende da cosa vuoi fare poi. La questione è molto dibattuta, sei di fronte a un bivio su cui si sono interrogate tutte le persone che conosco! Mi vien da dirti che in ogni caso, un qualifica in più della triennale è meglio, per quanto possa (a volte) essere anche soltanto un “foglio di carta”.
    Ma ti rispondo meglio via mail con calma.
    Buono studio in ogni caso!

  • titus said:

    Il vostro sito e’ una gran bella scoperta per me: qualita’, chiarezza, visione. Vi faccio i miei complimenti. Saro’ un lettore fedele ed attento perche’ so che mi farete scoprire dei lati della Cina ora tralasciati oppure ignorati dal latifondo mediatico.
    Curo un blog bilingue di informazione sull’America latina e vivo in Venezuela.
    Mi piacerebbe ospitare qualche vostro testo (se é’ possibile).

  • MAio said:

    Vi ho trovati tramite segnalazione su Danwei. Complimenti per l’iniziativa e per la realizzazione. Che dire… portate avanti l’ottimo lavoro svolto!

  • Giuliano said:

    Micomplimento con voi . Vivo in Cina da oltre 15 anni e finalmente qualcuno che riporta fatti in maniera veritiera ed interessante.
    Bravi !!!

  • Elena said:

    Informazioni simili non girano nè tra i media nè in rete. In genere le notizie che ci pervengono sono come un libro stracciato.
    Ottimo lavoro!

    运气

  • Giorgia said:

    Ciao!!! Complimenti per i vari articoli…molto interessanti!!!
    sono una studentessa di Bologna e sto scrivendo la mia tesi, voglio prender spunto dall’arresto di Liu Xiaobo per parlare dei problemi dei diritti umani in Cina; ho letto alcuni articoli di Ivan Franceschini riguardo questa tematica e vorrei sapere se avete dei siti o delle tracce da seguire per scrivere la mia tesi.
    Giorgia

  • Andra said:

    Bell’articolo!

  • martina said:

    Salve,

    sono una studentessa universitaria al terzo anno. Sto compilando la mia tesi di laurea e avrei bisogno di sapere se esistono imprese editoriali italiane operanti in Cina. Potete aiutarmi in qualche modo?Ce ne sono? Se sì potreste suggerirmi come fare per cercarle?

    Grazie

    Martina

  • Cukon Angelica said:

    Tongzhimen! Bu cuo!
    Zhichi nimen!

  • Filippo said:

    Bravissimi, il sito mi è stato consigliato dal mio Professore di Diritto Cinese e aveva veramente ragione. Anche se non sono un giurista (sono un sinologo laureato a Venezia) posso dire che non si trovano notizie così dettagliate e imparziali sulla Cina in altri siti.

    Veramente complimenti!!!

  • Giusy D. Cucciniello said:

    Salve!
    sono una studentessa dell’Orientale di Napoli. A breve mi laureerò in Relazioni Internazionali, la mia tesi si occupa di come la logica delle guanxi abbia influenzato i social network in Cina. Sono stati molto interessanti, nonchè di grande aiuto al mio lavoro, gli articoli di G. Negro sul tema. Grazie!!

  • Ioana said:

    Buongiorno alla redazione e complimenti per il sito, è davvero ben fatto e molto ricco di informazioni!
    Ho deciso di contattarVi per chiedere un piccolo consiglio: quest’anno dovrò affrontare l’esame di maturità e dopo averci riflettuto un pò ho deciso di parlare della Cina nella tesina che dovrò presentare.
    Questa tesina è come il mio biglietto di presentazione, è quindi molto importante che venga svolta e soprattutto studiata molto bene.
    Frequento un istituto di ragioneria perciò le materie alle quali vorrei collegare il mio argomento sono economia aziendale, diritto, geografia, scienze delle finanze e speravo anche italiano (uno scrittore importante cinese da confrontare con uno italiano ad esempio o parlare di una corrente ideologica che somigli al decadentismo, naturalismo, verismo…) e infine inglese come lingua straniera (qui basterà che traduca un testo)
    Ho acquistato il libro di Wu Xiaobo “MIracolo cinese” e sto facendo molte ricerche, ma ho comunque moltissimi dubbi… non so bene come dovrei affrontare e organizzare questa grandissima quantità di lavoro, infatti l’economia cinese ha fatto passi da gigante negli ultimi trent’anni (lo spazio temporale di cui vorrei parlare di più) e diventerà nei prossimi decenni la prima potenza mondiale… mi sembra una tesi attuale e molto interessante, per questo non vorrei affrontare il tutto in modo sbagliato dando l’impressione ai professori di un lavoro banale, mal fatto e noioso.
    Avevo pensato di organizzarmi così:
    - Eonomia aziendale, le riforme che le aziende (e l’economia in generale) hanno dovuto attuare per farsi valere nel mercato internazionale;
    -Diritto, pensavo ad un semplice confronto fra le libertà che i cittadini possiedono;
    -Geografia, rapporti con gli altri stati nel corso degli anni e anche inquinamento;
    -Scienze delle finanze… non ne ho la minima idea, credo la toglierò, però se avrete qualche buon argomento da suggerirmi…;
    -Italiano, http://guide.supereva.it/cultura_cinese/interventi/2010/04/la-letteratura-cinese-durante-lepoca-maoista forse può andare bene, ma non sono convinta
    Oltre a questo porterò alcune argomentazioni di tipo sociale che ho trovato nel vostro sito e anche altri…

    Aspetto Vostre critiche e consigli.
    Grazie mille.

    Ioana

  • eddy said:

    penso di essermi perso la news letter di giugno potreste mandarmela per piacere? Complimenti per il sito, lo seguo da quando siete nati e lo trovo uno dei pochi spazi di seria riflessione sul mondo cinese.
    salud
    eddy

  • Ivan Franceschini said:

    @ eddy: grazie mille per l’apprezzamento e l’incoraggiamento! Per ricevere la newsletter dovresti compilare l’apposito modulo nella sezione “newsletter” sull’homepage di Cineresie. Una volta che avrai inserito i tuoi dati e l’indirizzo email, dovresti ricevere automaticamente il numero di Tianxia di giugno. Facci sapere se dovessi avere problemi…

  • Elisa said:

    Mi unisco ai complimenti e agli studenti che hanno scritto. La mia è una tesi di magistrale, realizzo una analisi socioeconomica di Shanghai. Se non vi crea problemi vorrei citare il vostro articolo “Senza demolizioni forzate, niente nuova Cina?” potreste darmi i riferimenti precisi sull’autore per cortesia? La mia analisi si focalizza sui centri creativi, ho vissuto 4 mesi a Shanghai, ma ho bisogno di un sacco di fonti per dire quello che ho visto in prima persona.

  • Tommaso Facchin (author) said:

    @Elisa ciao, il reportage in cinese lo trovi qua: http://magazine.caing.com/2010/cw421/ ci sono vari articoli firmati da vari giornalisti

  • Mario Lucci said:

    Gentili autori e collaboratori,
    dopo un lungo pellegrinare nel web, sospinto da inquietudine conoscitiva, solo oggi approdo in questo sito.
    Essendo io un grande amante della Cina, avendo avuto la possibilità di vivere in Cina, nelle città di Zhenhgzhou e Shenyang, oltre che un fugace passaggio obbligato nella splendida Beijing, sto cercando di approfondore quotidianamente la mia “cognizione cinese”.
    Comprendere lo sviluppo economico e storico della Cina, oltre ai testi che pubblicati in occidente ne riducono le virtù, ma soprattutto ne nascondono le pecche, è il mio obiettivo.
    Leggendo tra le pagine di questo sito, riconosco in voi una magistrale capacità di approfondimento.
    Professionalmente io sono legato al mondo dell’economia, essendo Commercialista in Napoli, e come tale adoro proprio questo aspetto della Cina contemporanea.
    Dal punto di vista personale, essendo un praticante di Wushu Tradizionale, sono avvinto agli ideli filosofici cinesi.
    Nel corso degli anni, questo amore mi ha permesso di ralazzionarmi con molte persone, cinesi e non, che condividono le mie stesse passioni, ed adesso ho trovato anche voi.
    Felice di fare di questo sito un appuntamento quotidiano, spero un giorno di potervi incontrare e affronatre insieme una diesamina dei dubbi, doverosi, che mi sono sorti negli anni nei confronti della nostra amata Cina.
    Nella speranza che questo mio commento sia da voi visto come un eloggio,
    cordialmente vi saluto.

  • raffaele mangano said:

    Buon giorno, ho trovato sul sito Cineserie un’intervista a Yang Xianhui a cura di Ivan Franceschini. Tra qualche giorno uscirà la versione italiana di Gaobie Jiabiangou. Il quotidiano La Stampa vorrebbe recensire il libro e intervistare l’autore. Purtroppo la casa editrice cinese non ha risposto alle mail che chiedevano di contattare Yang. Vorrei sapere se tramite voi sia possibile un contatto diretto. Un cordiale saluto.
    raffaele mangano

  • lopa said:

    Buongiorno,
    a breve lavoererò per un’azienda che mi manderà in CIna (zona Shanghai) a contribuire allo startup di uno stabilimento produttivo;
    il mio ruolo sarà quello di buyer, con il compito quindi di reperire fornitori tecnicamente adeguati (e qui avrò l’ausilio di tecnici preparati)ma soprattutto stabilire relazioni commerciali orientate al lungo periodo, proficue e produttive sia da un punto di vista economico (negoziazione) che relazionale.

    Vorrei quindi leggere/documentarmi sia per quanto riguarda gli aspetti relazioni semplici che quelli legati appunto a business e negoziazione:
    modalità specifiche derivanti dal sostrato sociale, atteggiamenti formali necessari, qualunque cosa insomma sia relativa alla costruzione di un rapporto interpersonale sulle basi della loro società, e non semplicemente portandomi dietro il modello europeo-italiano di relazione.

    Da questo sito mi sono sembrati interessanti
    - Germogli di società civile
    - Dal grande esperimento alla società armoniosa.
    ma vorrei qualcosa di più specifico;
    qualcuno ha dei suggerimenti per favore?

    Siete presenti a Milano in modo che posso venirvi a trovare e cercare altri testi?
    Avete suggerimenti per altri libri e luoghi dove documentarmi a Milano?

    Grazie, saluti.

    LP

  • Rosi said:

    Ciao a tutti!
    Il sito è molto molto interessante!!

  • Annalisa said:

    Ciao!
    Complimenti, bellissimo sito!!
    Però non capisco come mai non riesca ad iscrivermi alla newsletter.

  • Lilli said:

    Sono felice di vedere un sito di divulgazione sulla Cina fatto seriamente, purtroppo spesso si assiste ad un giornarlismo scorretto e pieno di pregiudizi sui cinesi mai smentiti.
    ad esempio questo aritcolo della stampa
    http://www3.lastampa.it/lazampa/articolo/lstp/427465/
    ha dato modo ai nostri connazionali di commentare con una sfilza di insulti razzisti, peccato che guardando su siti stranieri si scopre che la notizia era una bufala…
    http://shanghaiist.com/2011/11/10/it_wasnt_koalas_on_sale_in_guangzho.php

  • Natina said:

    Ciao, avevo dimenticato quanto fosse bello questo blog. Peccato.

  • Daniele said:

    Buongiorno,

    Sono uno studente dell’Università Bocconi di Milano e sto svolgendo una ricerca sul mercato del cioccolato in Cina. Appassionato di Cina da molti anni, buon conoscitore della lingua e della cultura, già da tempo seguo il blog, molto ben curato e colmo di notizie interessanti. Ho anche letto il libro Cina.Net, trovandolo uno specchio non indifferente della Cina contemporanea.
    Scrivo per chiedere informazioni per la mia ricerca.
    Potreste suggerirmi delle fonti per il mercato del cioccolato in Cina?
    Sul sito ICE purtroppo si parla solo di import-export, mentre avrei bisogno di dati sul mercato cinese vero e proprio.

    Grazie mille per qualunque aiuto possiate darmi,

    Daniele

Sitemap