Home » Attualità

Gli Stati Uniti rispondono all’attivismo commerciale della Cina

di | 18 novembre 2011 | No Comment |

Mentre l’Unione Europea fatica a voltare pagina dopo un biennio di agonia finanziaria e Bruxelles si prodiga in uno sfacciato corteggiamento dei capitali cinesi, una partita importante per il futuro del commercio globale – e non solo – si sta giocando, sotto traccia, nella regione dell’Asia Pacifico. Si tratta dei negoziati per la sigla del Trans-Pacific Partnership Agreement (TPP), un accordo destinato a promuovere un’ambiziosa liberalizzazione degli scambi in un’area del mondo che già oggi genera il 50% del commercio e il 60% del PIL mondiale, e che il Fondo Monetario Internazionale prevede rimarrà motore della crescita globale per i prossimi decenni. A margine del summit APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) di Honolulu la settimana scorsa i leader dei paesi coinvolti hanno impresso nuovo impeto alle trattative, che si auspica possano giungere a conclusione nel 2012.

Per la prima volta da molti anni, la Cina brilla per la propria assenza da un tavolo in cui si dibattono cruciali strategie commerciali regionali. Pechino ha giocato un ruolo-guida nella promozione di accordi di libero scambio nella regione fin dall’inizio del secolo: nel 2009 si contavano 54 accordi siglati e 78 in corso di negoziazione (rispetto ai tre del 2000), e al progressivo esaurirsi del dinamismo dell’APEC facevano da contrasto nuove formule di regionalismo est-asiatico a traino cinese, come, ad esempio, l’APT (ASEAN Plus Three, ossia Cina, Giappone e Corea del Sud). La logica est-asiatica di molti di questi accordi – non pensati per integrare l’altra sponda del Pacifico – ha spinto vari osservatori a sottolineare una progressiva, pericolosa biforcazione nelle dinamiche regionali, con i circuiti economici sempre più legati alla Cina e gli allineamenti di sicurezza ancora imperniati sugli Stati Uniti. Ora l’impeto delle discussioni intorno al TPP segnala il possibile ritorno della leadership di Washington sulla scena commerciale nell’Asia Pacifico, riempiendo di contenuto anche economico la vocazione pacifica che Obama ha dichiarato per la propria presidenza.

Nuove norme per le relazioni commerciali

I negoziati per il TPP nascono sulla base di un accordo pre-esistente che già lega le economie di Brunei Darussalam, Cile, Nuova Zelanda e Singapore. A queste verrebbero ad aggiungersi, nel formato TPP, Australia, Malaysia, Perù, Stati Uniti e Vietnam, per un totale di circa il 26% del PIL e 17% del commercio globale. Un accordo di questa portata avrebbe significative ramificazioni economiche e geopolitiche. Per gli Stati Uniti, che guidano le trattative con maggior autorevolezza dopo che il Congresso ha ratificato uno storico accordo di libero scambio con la Corea del Sud il mese scorso, si tratta di elaborare una solida cornice normativa che possa influire profondamente sulle relazioni commerciali tra le due sponde del Pacifico in futuro. Il TPP, infatti, è pensato come progetto aperto, che possa attirare nuovi aderenti tra tutti i paesi APEC, soprattutto i due pesi massimi: Giappone e Cina. Per questo è essenziale che le regole siano fissate fin dall’inizio in modo tale da indurre cambiamenti strutturali nell’economia cinese, nell’eventualità che Pechino ritenesse in futuro di non poter rimanere estranea all’accordo quando questo iniziasse a manifestare effetti positivi sugli aderenti. Come ha lasciato intendere il Sottosegretario Robert Hormats, si tratta di una strategia multilaterale per ottenere indirettamente da Pechino cambiamenti importanti dell’attuale modello di “capitalismo di Stato”, ritenuto pregiudizievole alla libera e neutra competizione tra imprese (e quindi svantaggioso agli operatori statunitensi).

Il TPP non è quindi pensato soltanto per ridurre i dazi sui prodotti commerciati tra i vari aderenti: i negoziati in atto contemplano anche elevati standard di tutela della proprietà intellettuale, maggiore facilità di investimento, forte apertura del mercato dei servizi e esplicito riferimento alle logiche di mercato che devono valere in egual misura per imprese private e statali. Sebbene autorevoli voci statunitensi, a partire dal Trade Representative Ron Kirk, sottolineino i benefici che la Cina stessa otterrebbe nel lungo periodo da riforme che promuovano competizione, economia della conoscenza e innovazione (mediante la tutela della proprietà intellettuale), i gruppi di interesse che negli ultimi anni sono proliferati all’intersezione tra PCC e sistema economico cinese a tutti i livelli sono un ostacolo che taluni ritengono quasi insuperabile. In questo senso, pressioni esterne analoghe a quelle legate all’accesso della RPC all’Organizzazione Mondiale per il Commercio sarebbero essenziali come incentivi esogeni cui i vertici Pechino possano rifarsi per imporre aggiustamenti politicamente impopolari.

Aspettando Corea e Giappone

È improbabile che il TPP, nella sua composizione iniziale, possa avere una capacità di attrazione di magnitudo tale da forzare la mano alla Cina. Decisivo sarebbe l’ingresso della Corea del Sud e, soprattutto, del Giappone, la cui adesione avrebbe il potenziale di mutare strutturalmente la fisionomia commerciale dell’Asia Pacifico. Il Giappone, terza economia al mondo con un PIL solo marginalmente inferiore a quello cinese, vale da solo il 5% del commercio globale e il premier Noda si è dichiarato favorevole ad accedere ai negoziati TPP per poterne influenzare la direzione sin dall’inizio. Anche a Tokyo le resistenze interne sono forti, in particolare per l’ostilità della potente lobby agricola nipponica: le tutele di cui il settore si è avvantaggiato per decenni verrebbero meno in caso di adesione al TPP, portando a una sua ristrutturazione radicale. Se in molti dubitano della capacità del debole governo nipponico di mobilitare sufficiente capitale politico per imporre una scelta così radicale, il terremoto-tsunami del marzo scorso ha stravolto l’agenda economica nazionale aprendo spazi a riforme normalmente impensabili. D’altra parte, come notato di recente da Gilbert Rozman, l’episodio del blocco delle esportazioni di terre rare dalla Cina nel settembre scorso in occasione di una querelle diplomatica minore legata a rivendicazioni territoriali ha allertato le autorità nipponiche circa la necessità di riequilibrare gli stretti legami che connettono l’economia giapponese a quella cinese attraverso nuovi strumenti. Il TPP potrebbe essere uno di questi, con tutte le conseguenze che ne deriverebbero per l’intera regione.

Giovanni Andornino è ricercatore e docente di Relazioni Internazionali dell’Asia Orientale all’Università di Torino, oltre che vice presidente del Torino World Affairs Institute. E’ autore di Dopo la muraglia. La Cina nella politica internazionale del XXI secolo (Vita e Pensiero, 2008). Dirige la rivista elettronica Orizzonte Cina, su cui questo post è stato originariamente pubblicato.

Per i numeri arretrati di Orizzonte Cina visita twai.it