Home » Archive

extra »

[di | 16 lug 2012 | Commenti disabilitati | ]
Sindacato cinese: da cintura di trasmissione a nuovo corporativismo

Che il sindacato abbia un ruolo cruciale nell’influenzare gli umori delle masse e mobilitare la base, Lenin lo aveva capito sin dall’inizio del secolo scorso, quando nel suo classico “Che fare?” aveva affermato che tutti i membri del Partito avrebbero dovuto essere attivi nel sindacato nel tentativo di influenzarne i membri. Poi era tornato sull’argomento nel dicembre del 1920, in occasione di uno dei tanti scontri interni al Partito Comunista dell’Unione Sovietica: “La dittatura del proletariato non può funzionare senza un certo numero di ‘cinture di trasmissione’ tra l’avanguardia [il …

Attualità »

[di | 30 giu 2011 | Commenti disabilitati | ]
La nuova Legge sulla previdenza sociale: innovazioni reali o aspettative eccessive?

Domani entrerà in vigore la nuova Legge sulla previdenza sociale della Rpc, un testo destinato ad uniformare tutti i precedenti atti normativi in materia. Dal punto di vista delle autorità cinesi, questa Legge è funzionale al raggiungimento di un duplice obiettivo: da un lato, la stabilizzazione sociale e lo stimolo dei consumi interni; dall’altro, il rafforzamento della legittimità del Partito. Ma con quali conseguenze per il costo del lavoro? Un’analisi delle innovazioni della nuova normativa.

Attualità »

[di | 26 ago 2010 | 7 Comments | ]
Lo scandalo delle nuove schiavitù: uno sguardo all’Italia, dalla Cina

Zaher, 18 anni, afgano, clandestino, morto a Mestre nel 2008, schiacciato dalle ruote del camion nel cui cassone si era nascosto per arrivare in Italia, è solo uno dei tanti. Come lui molti altri. Vite spezzate, solitudine, salari da fame, violenza: le storie della nuova schiavitù sono a due passi da casa nostra. Al di là di ogni relativismo e senza far sconti a nessuno, val la pena chiedersi: perchè solo la Cina per noi fa scandalo?

Recensioni »

[di | 15 lug 2010 | 8 Comments | ]
“Operaie”, dal pianeta Dongguan

“Operaie” è il titolo di un romanzo-reportage di Leslie T. Chang, recentemente tradotto da Adelphi. Risultato di un lavoro durato tre anni, il libro della giornalista sino-americana del Wall Street Journal, inquadra il microcosmo di Dongguan, un’emblematica città-fabbrica nella Cina meridionale, meta ogni anno di centinaia di migliaia di ragazze provenienti dalle campagne pronte a tutto pur di “avere successo”. Una recensione di Nicoletta Pesaro.

Attualità »

[di | 3 gen 2010 | Commenti disabilitati | ]
Estremi Rimedi

Una ricerca pubblicata ormai dieci anni fa da Sing Lee e Arthur Kleinman metteva in luce come la Repubblica Popolare Cinese fosse il paese dove si registrava il più alto numero di suicidi al mondo, con oltre trecentomila casi all’anno, pari al 42% di tutti i suicidi a livello mondiale e al 56% di quelli femminili. Questo studio si concentrava in particolare su due questioni, il fatto che il 90% dei suicidi in Cina avvenivano in zone rurali e il fatto che le giovani donne suicide risultavano essere almeno il …

Attualità »

[di | 29 dic 2009 | Commenti disabilitati | ]
Pozzi ciechi

“Pozzo cieco” (mang jing) è il titolo di uno dei film cinesi più belli degli ultimi anni, uno dei tanti capolavori del cinema orientale che purtroppo non sono mai arrivati al pubblico italiano. I protagonisti di questa sconvolgente storia, opera prima di Li Yang, sono due semplici lavoratori migranti, persone allo sbando che farebbero qualunque cosa pur di guadagnare qualche soldo. Sullo sfondo dell’industria mineraria della Cina settentrionale – gran parte del film è stata girata a settecento metri di profondità al confine tra Shanxi e Hebei – essi si …

Reportage »

[di | 6 apr 2009 | Commenti disabilitati | ]
Tempesta sulla fabbrica del mondo

“State subendo l’influenza della tempesta finanziaria? Il padrone è scappato e non vi ha pagato i salari arretrati? Siete stati costretti a smettere di lavorare, siete stati licenziati oppure vi è stato ridotto il salario? Avendo le necessarie conoscenze e proteggendo i nostri diritti possiamo superare insieme la crisi”. Queste frasi spiccano sulla prima facciata di un volantino che in questi giorni viene distribuito in migliaia di copie tra i lavoratori migranti nel distretto di Longgang a Shenzhen. Sui risvolti interni trovano spazio altre domande, seguite da spiegazioni concise ma …

Sitemap