Home » Archive

Attualità, Recensioni »

[di | 4 apr 2012 | 2 Comments | ]
Mao, l’eterno ritorno

Nell’ultimo biennio sui media cinesi ed internazionali molto si è scritto in merito al revival maoista in Cina. Dai “messaggi rossi” inviati ai cellulari della popolazione di Chongqing nel 2009 alla campagna sulle “canzoni rosse” del 2011, la figura di Mao, con tutto l’immaginario che vi ruota attorno, è tornata con prepotenza sulla scena pubblica cinese. Ma siamo sicuri che si tratti di un ritorno? O forse l’ombra di Mao non ha mai abbandonato la scena cinese?

Attualità »

[di | 13 mar 2012 | Commenti disabilitati | ]
Zhang Lin e il salario dei migranti

Ogni anno nelle settimane che precedono il capodanno lunare i lavoratori migranti tornano immancabilmente ad occupare le prime pagine dei giornali cinesi. A parte le difficoltà che essi incontrano nel trovare un mezzo di trasporto per tornare alle proprie case, a far discutere è soprattutto la questione del mancato pagamento dei salari, un problema che però le autorità riescono invariabilmente a trasformare in un’occasione per far sfoggio delle proprie doti “taumaturgiche”.

Rassegna »

[di | 6 mar 2012 | Commenti disabilitati | ]
Radio Rassegna: Santifichiamo Lei Feng e altre proposte…

Da qualche tempo risulta evidente che la Repubblica Popolare sia impegnata in un’opera di riscoperta e di promozione dei propri valori e della moralità pubblica: una campagna promossa dal Governo centrale per tentare di far fronte all’egoismo, all’indifferenza e alla corruzione sempre più diffusi nella società cinese.

Voci »

[di | 10 feb 2012 | 5 Comments | ]
Yang Jisheng: Quando ero giornalista alla Xinhua…

Famoso in tutto il mondo come autore di uno straordinario libro sulla carestia seguita al Grande Balzo in avanti, Yang Jisheng ha lavorato per quarant’anni presso l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Nella video-intervista che vi proponiamo, prodotta per l’Osservatorio Ossigeno per l’Informazione, egli riflette sul cambiamento del giornalismo cinese negli ultimi decenni. Perché le cose sono sì cambiate, ma rimane ancora molta strada da fare.

Vignette »

[di | 11 dic 2011 | Commenti disabilitati | ]
Vignetta: Occhiali neri

una società di ciechi che non vogliono vedere. Ognuno se ne va dritto per la propria strada, senza curarsi di chi lo circonda. Ciechi che vogliono rimanere tali e che, per essere sicuri della propria cecità, acquistano occhiali da sole “accecanti”. Li Xiaoguai offre la sua interpretazione della società cinese odierna servendosi di un’immagine forte ed evocativa alla quale c’è ben poco da aggiungere.

Attualità, Voci »

[di | 23 nov 2011 | 2 Comments | ]
Essere giornalisti in Cina, una conversazione con Emma Lupano

La settimana scorsa Emma Lupano ha ricevuto il premio internazionale di giornalismo Maria Grazia Cutuli per la sua tesi di dottorato sui giornalisti freelance cinesi. Emma, che è giornalista professionista e insegna Lingua e cultura cinese all’Università degli Studi di Milano, ha vissuto in Cina per diversi anni, lavorando per testate sia italiane che straniere. Vista la sua vasta esperienza sul campo, le abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione attuale della stampa in Cina.

Vignette »

[di | 31 lug 2011 | Commenti disabilitati | ]
Vignetta: Demenza senile

Venerdì scorso, 29 luglio, il premier Wen Jiabao si è recato a rendere omaggio alle vittime dell’incidente ferroviario avvenuto il 23 luglio a Wenzhou. Come mai questo ritardo nel recarsi sul luogo del disastro? Come mai proprio lui, sempre primo ad arrivare nei luoghi colpiti da gravi catastrofi i per portare conforto alla gente, stavolta non si è fatto vedere subito?

Recensioni »

[di | 24 giu 2011 | One Comment | ]
I novant’anni del Partito // Cinque ragioni per (non) vedere un cinepolpettone rivoluzionario

Nell’ultimo periodo sulla stampa internazionale sono apparsi diversi articoli su “La mastodontica impresa di fondare un Partito” (jiandang weiye), il colossal cinematografico celebrativo del novantesimo anniversario della fondazione del Partito uscito qualche giorno fa. Se la maggior parte dei commenti apparsi sui media sono irrisori, vi proponiamo cinque motivi per cui questo film merita di essere visto, seguiti da altri cinque motivi per cui invece è meglio lasciar perdere.

Bridge Blogging »

[di | 1 ott 2010 | 3 Comments | ]
Un filo diretto con Zhongnanhai

Zhongnanhai, il quartier generale della leadership cinese, proprio di fianco alla Città Proibita, è un luogo per definizione inaccessibile. Eppure da qualche settimana anche Zhongnanhai sembra essersi messa al passo coi tempi, con l’apertura di un portale web che vuole essere una “bacheca” virtuale dove lasciare messaggi per i leader politici che guidano il paese. Un canale efficace per la trasmissione delle opinioni dei cittadini o l’ennesima operazione di facciata nel nome della “trasparenza”? Dalla blogosfera, un commento di Zhang Wen.

Attualità, Bridge Blogging »

[di | 13 mag 2010 | 5 Comments | ]
Wu Hao e la propaganda 2.0

In questa intervista Wu Hao, vice responsabile del dipartimento di propaganda dello Yunnan recentemente criticato in pubblico da alcuni studenti, racconta la sua “propaganda 2.0″. Wu è noto per le sue idee all’avanguardia in termini di comunicazione, trasparenza e gestione delle notizie. Oltre a essere stato il primo politico cinese a utilizzare i social network per l’interazione fra istituzioni e cittadini, è divenuto celebre per il modo in cui, nel febbraio del 2009, gestì il famigerato “incidente del nascondino”.

Sitemap